Consigli

Ricrescita unghia: ecco cosa fare in caso di unghie troppo lunghe

Ricrescita unghia ecco cosa fare in caso di unghie troppo lunghe

La ricostruzione unghie è una tecnica onicotecnica che consente anche a chi non ha la propensione ad avere unghie lunghe e curate di trasformare le sue unghie da corte in lunghe assumendo diverse forme.
Tuttavia, per quanto la ricostruzione sia una tecnica innovativa nulla può fare contro la ricrescita naturale dell’unghia e lo stacco che inevitabilmente si viene a creare tra unghia vera e finta e unghia coperta dallo smalto e senza.

Ricrescita: il problema del contrasto

Il contrasto è davvero poco elegante ragion per cui in questo articolo vogliamo fornire alcuni consigli su come coprire la ricrescita dopo la ricostruzione delle unghie attraverso i kit di ricostruzione unghie.
Si affronta sia la ricrescita sia la possibilità che l’unghia possa spezzarsi, i consigli si dividono per esperti e per autodidatti fornendo soluzioni alternative ma capaci di venire incontro alle diverse esigenze.

La ricostruzione delle unghie non impedisce all’unghia vera di crescere, quando lo stacco è diventato ormai visibile e l’unghia tropo lunga l’unica soluzione che verrebbe in mente a chi non è del mestiere è di tagliarla: sbagliato, se si taglia l’unghia si rovina la ricostruzione ragion per cui si consiglia di usare dei kit ricostruzione unghie in cui si presenta una lima di cartone per affinare l’unghia e darle la forma preferita.
Online è possibile trovare diversi siti per comprare kit ricostruzione unghie.

Come coprire la ricrescita con lo smalto: per gli autodidatti

La ricrescita può essere coperta anche attraverso l’uso dello smalto in gel semi permanente al fine di omologare le due unghie ovvero conferire il medesimo volume ad entrambe.
Nei kit per la ricostruzione unghie professionale completi è possibile trovate oltre al balsamo per le cuticole per eliminare le pellicine anche uno smalto dal colore scuro da passare sulla ricrescita per allineare l’unghia e nascondere lo stacco che risulterebbe maggiormente evidente se si decidesse di applicare smalti dal colore tenue e chiaro.

Tecnica Refill: per chi ha più esperienza

Al di là dei rimedi sopra descritti che sono diciamolo più alla buona per una ricostruzione veloce adatta a chi non è propriamente del mestiere o magari non ha competenze in materia di ricostruzione unghie, nel caso di ricrescita si consiglia il Refill.
Attraverso questa tecnica è possibile riprendere la ricostruzione partendo dalla parte scoperta dell’unghia, tuttavia, per praticare questo processo è indispensabile possedere un kit per la ricostruzione delle unghie in quanto servono alcuni attrezzi come lime, gel e persino una lampada UV
Questa tecnica consente di rifare la ricostruzione nella parte cresciuta dell’unghia senza dover limare l’intera unghia e riprendere il procedimento ex novo.

Ricostruzione e unghia spezzata

Può capitare che un’unghia si spezzi cosa fare di fronte a questa eventualità in caso di unghie ricostruite? Ebbene basta avere un kit ricostruzione unghia professionale e al suo interno si trovano tutti gli strumenti e i prodotti per riprendere l’unghia in modo da limare la stessa e tutte le altre e renderle omogenee per lunghezza o ricostruire la parte mancante dell’unghia spezzata senza toccare le altre.
La procedura è tanto semplice quanto può risultare complessa a chi non ha manualità limata l’unghia la stessa va ricostruita nella parte mancante, si applicano un fissante detto primar e poi successivamente il gel permanente dello stesso colore delle altre unghie e si fa asciugare sotto apposita lampada UV, strumento indispensabile per chi ha le unghie ricostruite e sceglie per ricoprirle gel permanenti.