Consigli

Risparmiare sull’acquisto zanzariere grazie alle detrazioni

Risparmiare sull'acquisto zanzariere grazie alle detrazioni

Conosci la detrazione fiscale sulle zanzariere? Grazie a questa opportunità potrai ottenere anche uno sconto in fattura per le zanzariere.

La Legge di Bilancio ha previsto diversi bonus per coloro che eseguono interventi finalizzati alla riqualificazione energetica degli immobili. In questo modo si può ottenere una riduzione delle imposte del 50%, tutto ciò a patto di installare serramenti di nuova generazione, zanzariere incluse.

In cosa consistono le detrazioni zanzariere?

Al momento la detrazione fiscale per la zanzariera è prevista nella misura del 50% sulle spese complessive che vengono sostenute. Si considera non solo l’onorario che spetta al professionista, ma anche i costi per la sostituzione dei vecchi dispositivi con quelli di ultima generazione, oltre gli oneri accessori. La spesa include anche la quota che spetta al tecnico che si occuperà della pratica ENEA.

Ma come funziona esattamente la detrazione zanzariere? Questa verrà spalmata in quote di uguale importo nell’arco di 10 anni. A richiedere lo sgravio non sono soltanto le persone fisiche, ma anche i soggetti che a qualsiasi titolo detengono l’immobile.

Ad esempio, possono accedere al beneficio della detrazione zanzariere anche i non residenti, i semplici inquilini, i comodatari e coloro che sono titolari di reddito di impresa. Si segnala che anche coloro che vivono in condominio possono accedere a questo beneficio fiscale, ma in questo caso dovranno sottoporre all’attenzione dell’assemblea il relativo progetto che dovrà ottenere l’approvazione.

Per poter ottenere la detrazione fiscale sulle zanzariere bisogna seguire l’iter previsto dalla legge, quindi presentare la domanda all’ENEA entro 90 giorni da quando terminano i lavori. Il risparmio energetico con le zanzariere permetterà di avere un immobile maggiormente efficiente, quindi di limitare l’uso dei condizionatori.

Detrazione fiscale sulle zanzariere: altri importanti aspetti

Quando si presenta la domanda per ottenere la detrazione zanzariere bisogna anche indicare l’attestato di prestazione energetica e la scheda tecnica che attesta gli interventi che vengono eseguiti sull’immobile. Accedere alle detrazioni zanzariere vuol dire anche saldare le spese con bonifico, bancario o postale, che dovrà riportare la causale.

Il beneficio fiscale viene concesso perché il risparmio energetico con le zanzariere è pacifico. Queste schermature, infatti, contribuiscono ad evitare la dispersione termica. In ogni caso la detrazione fiscale per la zanzariera opera solo quando vengono rispettati determinati requisiti.

La zanzariera dovrà infatti riportare il marchio CE, quindi essere conforme a quanto previsto dalle normative di settore. Solo in questo modo il risparmio energetico con le zanzariere viene garantito.

Si ricorda, inoltre, che in alternativa alla detrazione, quindi alla riduzione delle imposte, si può anche ottenere lo sconto in fattura per le zanzariere, opzione che permette di risparmiare immediatamente.

Altre cose da sapere

Le detrazioni zanzariere restano operative fino al 31 dicembre del 2021, ma bisogna anche rispettare il tetto massimo di 60 mila euro. Occorre prestare attenzione nel momento in cui si compila la domanda online all’ENEA. Per questo si consiglia di chiedere il supporto di un tecnico, per evitare errori che potrebbero far perdere il diritto allo sconto in fattura per le zanzariere. Del resto l’onorario che spetterebbe al professionista è anche oggetto di sgravio. Il termine di 90 giorni dalla fine dei lavori per l’inoltro della richiesta telematica resta un aspetto non derogabile.

Per quanto poi riguarda il montaggio, è bene precisare che le zanzariere ad alta efficienza energetica possono essere installate su immobili che appartengono a qualsiasi categoria catastale, purché esistenti. Quindi, ciò vuol dire che si deve trattare di edifici già classificati al catasto. Da segnalare che la detrazione fiscale per la zanzariera non opera nel caso di modelli smontabili e del tutto privi sistemi di regolazione per la schermatura solare. Le plissettate, ad esempio, quando provviste di certificazione danno diritto alla detrazione, in quanto rispettano i precisi parametri di trasmittanza termica previsti dalla normativa.