03/02/2023
Il risparmio non è più una scelta

Il risparmio non è più una scelta

Stiamo vivendo in un periodo storico che difficilmente dimenticheremo: i rincari in bolletta e in tutto il commercio stanno colpendo tutti e si fa sempre più fatica ad arrivare alla fine del mese. Nasce così l’esigenza di risparmiare su quello che si può e si cerca di sopravvivere sperando che duri il meno possibile. Si, ma come? Siamo capaci di cambiare il nostro consolidato modo di vivere e pensare?

Risparmiare sugli apparecchi elettrici

Si sa che siamo circondati e quasi dipendenti da tutta l’apparecchiatura elettronica che abbiamo in casa. Non possiamo rinunciare di certo al frigorifero, e sicuramente non possiamo staccarlo quando usciamo di casa. Ma tante altre cose sì. E anche se dovevamo già averlo imparato per consumare meno energia possibile, adesso lo facciamo per risparmiare un pochino sulla bolletta in arrivo. Non usi il microonde? Spegnilo. Non stai caricando il cellulare? Stacca la spina. E così via. Basta lucine che ci illuminano di notte, e magari anche il nostro sonno ne trarrà beneficio. O almeno l’insonnia non sarà dovuta a questo.

Di cosa si può fare a meno

Molti se lo stanno chiedendo, la moda minimalista forse è già passata da un tempo, eppure per cercare di tirare la cinghia qualcosa si sta smuovendo in quella direzione. Anche la cosiddetta sostenibilità e un occhio speciale rivolto all’ambiente, da anni ci vogliono dirigere verso il minor spreco possibile. E allora diamo il via allo shopping responsabile: se proprio si ha bisogno di un maglione nuovo, meglio cercarlo usato. Non bisogna immaginare che siano per forza prodotti scadenti, tutti potrebbero avere un profitto da quel che non si mette più, magari quel capo bellissimo ma messo una volta sola. Non abbiamo fatto la scelta giusta allora, ma adesso possiamo e, abbattendo i consumi di produzione, comprare un bel maglione usato costerà meno anche al tuo portafoglio.

La lavatrice in casa

Non ci crederai ma qualcuno ha già detto addio alla lavatrice, anche se per molti di noi è qualcosa di impensabile. Da anni negli Stati Uniti esiste quella ad uso comune nello stesso condominio, come vediamo spesso in molte serie tv, e anche qui qualcuno ha iniziato a smettere di comprarla. Utilizzano solo quelle a gettoni che ormai si trovano in tutte le città, facendo anche un business non da poco come Dry-tech ed avendo capi pronti all’uso. D’altronde a chi non è capitato di lavare quel grande piumone che in casa non si riusciva né a lavare né ad asciugare? Si risparmia acqua, elettricità, detersivo. Vogliamo parlare poi del ferro da stiro? Ormai moltissime persone non sanno neanche più cos’è. Piega bene e metti via la roba.

Il cibo pronto o da asporto

Quello che compri lo paghi, questo è poco ma sicuro. Se scegli un prodotto precotto, prefritto, quel ‘pre’ qualcosa te lo ritroverai sullo scontrino. Anche se ti sembra conveniente perché ti fa guadagnare tempo, in realtà se lo facessi tu, a patto delle capacità, potresti riuscirsi in meno tempo di quello che credi. E magari ti divertiresti o rilasseresti pure. Per non contare il fatto che probabilmente, anzi sicuramente, useresti prodotti qualitativamente migliori, e la salute ringrazia.

Un altro tema è il cibo da asporto, di cui sembra non riusciamo più a fare a meno da alcuni anni. Anche quello, ovviamente e giustamente lo paghi, in più te lo consegnano magari a casa. Farlo troppo spesso può essere una spesa che alla lunga può gravare sul nostro bilancio. Meglio tornare ai fornelli e sbizzarrirsi con ricette facili e veloci con quello che hai a disposizione in frigo.

Modalità per risparmiare ce n’è, e qualcuno di buon senso già ha fatto pratica nel tempo. Bisogna abbandonare la pigrizia e ci vuole costanza, oltre che pazienza, per raggiungere un qualsiasi obiettivo. Cambiare lo stile di vita può rivelarsi indispensabile adesso, e utile per sperare in un futuro migliore.