04/12/2022
​Prevenzione del riflusso con lavaggio e protezione dell'acqua pulita

​Prevenzione del riflusso con lavaggio e protezione dell’acqua pulita

In questo articolo mirato alla prevenzione e ad una corretta manutenzione del sistema idrico della propria abitazione analizziamo alcuni aspetti importanti spesso celati sottotraccia (poiché la maggior parte dei tubi idraulici sono nascosti dietro le pareti o sotto al pavimento), che però devono essere presi in considerazione così come ci spiega un idraulico a Roma esperto, idraulicoroma.biz.

Partiamo dal primo punto

Lavaggio delle tubature

Il lavaggio delle linee di alimentazione dell’acqua o la disinfezione dei componenti idraulici contaminati è fondamentale dopo un incidente di riflusso.

La tecnologia idraulica e di approvvigionamento idrico è più avanzata che mai, tuttavia possono ancora verificarsi problemi di riflusso e interruzioni delle linee.

Spesso questi indicenti sono anche dovuti ad una cattiva gestione dei rifiuti solidi che vengono gettati nel water non consapevoli del fatto che la tubatura ha un diametro limitato con curve in cui possono bloccarsi favorendo questo riflusso.

Inoltre, il lavaggio delle tubature consente di poter godere di acqua meno inquinata. Nonostante tutti i fornitori idrici abbiamo un sistema di depurazione non considerare pulita l’acqua che sgorga dal tuo lavandino e sonsigliamo assolutamente di berla con continuità.

I fornitori di acqua sono tenuti a installare dispositivi di prevenzione del riflusso (e in questo caso parliamo di incenti legati alle fognature) in molte aree per proteggere l’acqua dalla contaminazione a causa dei collegamenti trasversali.

I fornitori di acqua possono anche trattare le linee di distribuzione con cloro. Viene utilizzato abbastanza cloro per ottenere un “tempo di contatto” specifico che garantisce che i tubi non siano contaminati.

I moderni codici idraulici fanno anche molto per aiutare a creare un sistema di raccordi e infissi che creano un sistema di approvvigionamento idrico pulito.

Condizioni comuni di riflusso idrico

Con tutte le protezioni in atto, possono esserci ancora episodi di riflusso. Con l’istruzione e la formazione, possiamo informare gli utenti del pericolo di contaminazione da riflusso; che aiuta a creare comunità più sicure.

Fortunatamente, nonostante un sistema idrico dei fornitori privati non eccellente, per non dire scarso, possiamo essere colpiti in minima parte problemi legati allo stesso sistema di erogazione dell’acqua.

Questo grazie all’eredità che hanno avuto questi fornitori idrici dal sistema idrico nazionale quando ancora l’acqua era un bene pubblico.

Tornando a noi.

Un idraulico autorizzato può installare rompivuoto su bavaglini, valvole di zona a pressione ridotta, valvole di ritegno e intercapedini d’aria per proteggere il sistema di approvvigionamento idrico (sistema idrico comunale).

Mentre la maggior parte degli utenti del sistema idrico seguirà le migliori pratiche per evitare il riflusso, alcune persone prenderanno comunque decisioni che creano rischi per la contaminazione.

L’installazione di una pompa senza la valvola di ritegno adeguata, il riempimento di una piscina da qualsiasi protezione antisifone o l’esecuzione di riparazioni idrauliche non conformi, possono comportare una possibile contaminazione incrociata.

Riflusso e contaminazione incrociata possono essere causati da contropressione e controsifonamento. Il sifonaggio posteriore potrebbe essere causato da qualcuno che corre su un idrante antincendio.

L’elevato volume d’acqua che fuoriesce attraverso l’idrante rotto può aspirare l’acqua dal sistema idrico collegato (ad esempio il tubo è immerso nell’acqua della piscina durante il riempimento).

Il sifonaggio posteriore potrebbe causare l’aspirazione dell’acqua della piscina nel sistema di distribuzione dell’acqua, contaminando potenzialmente la rete idrica con elementi sconosciuti. La contropressione può essere causata da un sistema di pompa quando installato al di sopra della capacità della rete idrica in ingresso.

Se un utente residenziale ha bisogno della riparazione della rete idrica, di solito è un’operazione semplice.

Chiudere l’acqua e rimuovere tutto il fango e i detriti per esporre le tubazioni guaste. Completare le riparazioni, ripristinare la pressione dell’acqua, lavare le tubazioni e verificare la corretta pressione statica. Riempi, ripulisci e il lavoro è fatto.

In questo esempio di riparazione però, ci si espone ad un rischio non da poco.

  • qual è la procedura corretta per proteggere gli utenti dalla contaminazione?
  • è sufficiente il semplice lavaggio dell’impianto?
  • quanta acqua dovrebbe essere utilizzata e quanto tempo ci vuole per lavare i prodotti chimici che potrebbero essere entrati dal terreno?

Lo scenario precedente è solo uno dei tanti che sono comuni ai professionisti dell’impianto idraulico. Ogni volta che si accede al sistema di approvvigionamento idrico chiuso, c’è il rischio di contaminazione.

Riparazioni e installazioni possono causare contaminazione

Alcune aziende forniscono solo la pulizia delle fognature e degli scarichi, ma questi fornitori hanno conoscenze idrauliche.

La rimozione di un’interruzione è una procedura tipica, ma possono essere coinvolti altri elementi. Ad esempio, potrebbe essere necessario rimuovere un addolcitore dell’acqua per accedere a una pulizia.

A seconda di come questo viene gestito, potrebbe esserci un grande aumento delle possibilità di contaminazione.

Dopo aver avviato la pulizia, le acque reflue potrebbero iniziare a fuoriuscire dal sistema di scarico prima che l’ostruzione possa essere rimossa.

Se questi liquami toccano qualsiasi parte dell’addolcitore, c’è un enorme rischio di contaminazione.

Ciò include le linee di alimentazione dell’acqua e di rimozione dei rifiuti da e verso l’addolcitore.

Senza la dovuta attenzione, questa situazione può accadere a professionisti esperti o al proprietario della casa che effettuano le proprie riparazioni.

Questo è solo uno scenario comune che può portare alla contaminazione dell’approvvigionamento idrico.

Sebbene siano presenti codici idraulici e protezioni contro il riflusso, esiste ancora la possibilità di una potenziale contaminazione.

Al momento ci affidiamo a un buon risciacquo dopo le riparazioni per garantire un approvvigionamento di acqua potabile e sicura. Quindi, dopo qualsiasi lavoro o progetto di riparazione idraulica, sciacquare, sciacquare, sciacquare quelle linee di mandata dell’acqua.

In conclusione

Nonostante questa osservazione molto pessimistica di possibili scenari di contaminzione dell’acqua, è bene essere obiettivi e valutare le cose come stanno.

Lo scenario da evitare è quello che si è verificato ad esempio a Londra, dove il Corriere Della Sera ha anche pubblicato una notizia: https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/22_giugno_22/poliomelite-tracce-acque-reflue-londra-vaccino-73b2ea0e-f23c-11ec-9347-39962991c7ba.shtml

Nella stragrande maggioranza dei casi è davvero raro che si possano verificare casi di inquinamento dell’acqua in Italia e per lo più se dovesse accadere, la statistica è incline a far verificare questo problema più nelle zone rurali rispetto a quelle cittadine per differenti motivi.

Principalmente per il fatto che in città vi è stato svolto un lavoro sugli impianti idrici pubblici più certosino e sicuramente godono di costante manutenzione.